+39 080 8769072   info@apuliaplants.it

PIANTE ESTERNO MEDITERRANEE

Il Callistemon appartiene alla famiglia delle Myrtaceae ed è un arbusto sempreverde originario dell’Australia e della Nuova Caledonia. Ha foglie verde chiaro sottilii e allungate e all’estremità dei rami produce i caratteristici fiori rossi a forma di spiga o scovolino (in realtà i fiorellini sono molto piccoli e la sola parte vistosa sono i lunghi stami), da cui il nomignolo della pianta stessa (“scopettino”).

La Carissa macrocarpa (o grandiflora) appartiene alla famiglia delle Apocynaceae ed è originaria delle regioni sub-tropicali del SudAfrica. Per questa ragione è nota anche come Prugna del Natal (dal nome di una provincia sudafricana). E’ un arbusto sempreverde spinoso che produce foglie ovali e carnose di colore verde lucido e dei bellissimi fiori profumati bianco candido a forma di stella. Come tutte le piante della sua famiglia è velenosa, ma ha la particolarità di generare frutti a forma di piccole uova di color rosso bruno perfettamente commestibili una volta maturi.

Appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae, originaria delle regioni mediterranee, il Convolvolo Cneorum è un arbusto (e non una pianta rampicante come la maggior parte dei Convolvolo) sempreverde compatto, dalle foglie ricoperte da peluria che le conferisce un aspetto argenteo. Produce moltissimi fiori “a trombetta”, allargati (circa 3-4 cm di diametro), di colore bianco candido.

Appartenente alla famiglia delle Fabaceae, originario dell’Africa settentrionale, Europa meridionale e dell’Asia, il Citysus Racemosus è un arbusto ibrido sempreverde con foglie trifogliate verde chiaro e fiori profumati di colore giallo vivo, raccolti in racemi terminali. Ideale per la decorazione dei giardini di tipo roccioso e per bordure o siepi divisorie.

Appartenente alla famiglia delle Apocynaceae e originaria delle regioni del Centro e Sud America, la Dipladenia è una pianta sempreverde rampicante che presenta foglie lisce e ovali di colore verde brillante che produce moltissimi fiori a forma di trombetta a cinque lembi, rosso, rosa e bianco con l’interno giallo pastello, raccolti in racemi.  Grazie alla sua straordinaria flessibilità e velocità di vegetazione si adatta benissimo ai più originali portamenti ornamentali (piramidale, a spalliera, doppio arco, ecc.).

Il Drosanthemum, noto con il nome volgare di “Barba di Giove”, è una pianta succulenta dal portamento tappezzante della famiglia della Aizoaceae, originaria del Sud Africa. Produce piccole foglie di colore verde chiaro ricoperte di peluria (probabilmente da qui il nomignolo volgare) e moltissimi piccoli fiori a forma di margherita di colore rosa che rivestono l’intera pianta. Per la sua fioritura particolarmente abbondante, è ideale per le bordure.

L’Echium Fastuosum è una pianta rustica coltivata a scopo ornamentale in giardino e in vaso per la sua spettacolare fioritura. Gli steli, alti anche più di un metro, erbacei prima e legnosi dopo circa tre anni di vita, sono ricoperti da foglie ovali allungate, punteggiate e coperte da una fitta peluria di colore bianco argento. La Fioritura si ha nel periodo primavera – estate, e regala spettacolari fioriture anche nelle coltivazioni in vaso. Per fiorire abbondantemente richiede esposizioni luminose e soleggiate in zone preferibilmente riparate dal vento. Innaffiare le piante solo quando il terreno è perfettamente asciutto evitando gli eccessi idrici e senza bagnare le foglie.

Appartenente alla famiglia delle Myoporaceae e originaria del Sud dell’Australia l’Eremophila Nivea è un arbusto sempreverde caratterizzato da foglie profumate e vellutate (ricoperte da una sottile peluria) di colore argentato che le danno un aspetto particolarmente elegante in contrasto ai fiori tubolari lilla/viola.

Appartiene alla famiglia delle Compositae ed è originaria dell’Africa meridionale. L’Euryops è un arbusto perenne e sempreverde caratterizzato dalla fioritura abbondante e invernale. Cespuglio molto folto, con foglie argentate, produce grandi fiori di colore giallo, simili a margherite gialle e può essere facilmente impiegato per adornare giardini e aiuole, creando una “voluminosa” macchia di colore giallo anche durante l’inverno.

Albero da frutto appartenente alla famiglia delle Moraceae e originario dell’Asia occidentale. Dotato di un apparato radicale particolarmente ampio, che lo rende resistente alla siccità è caratterizzato da un tronco robusto di colore grigiastro e da ampie foglie rugose variamente lobate all’interno delle quali scorre una linfa viscosa e lattiginosa. Il Ficus Carica ha la particolarità di presentarsi in due forme botaniche distinte: il “maschio”, c.d. “Caprifico”, e la “femmina”, ossia “Fico vero”. Entrambe producono i comuni frutti rotondeggianti e carnosi dalla buccia verde o violacea, ma soltanto quelli delle piante femminili sono commestibili, in quanto fecondati (responsabile principale del processo c.d. di “caprificazione” è un insetto, la Blastophaga psenes).

Il Gelsomino, appartenente alla famiglia delle Oleaceae, conta oltre 300 varietà ed è originario della Cina, ma anche dell’America settentrionale, come dell’India o di alcune zone del bacino del Mediterraneo. E’ un arbusto rampicante che produce tipici fiori tubolari, stellati a cinque petali di colore bianco candido (esistono, però, varietà a fiore giallo o sfumate rosa) che emanano il caratteristico profumo dolciastro. La storia vuole che la famiglia dei Medici ne abbia custodito a lungo un unico esemplare, vietandone la diffusione, sino a quando un giardiniere ne donò furtivamente  un rametto alla sua amata che divenne, così, ricca e poterono sposarsi: da qui l’usanza di donare un mazzetto di Gelsomino alle spose.

La ginestra comprende settantacinque varietà. Una caratteristica comune è l’assenza quasi totale di foglie: esse comunque tendono a cadere completamente una volta che cominciano a comparire i primi fiori. Fiorisce da maggio fino ad agosto. La ginestra fondamentalmente è una pianta mediterranea quindi molto importante per la sua crescita è il clima caldo e soleggiato: normalmente vive in territori molto aridi e non ha un grandissimo bisogno d’acqua. Se la pianta è stata messa a dimora in piena terra è possibile annaffiarla sporadicamente. Se invece è stata piantata in vaso è meglio innaffiarla con più regolarità.

Appartenente alla famiglia delle Fabaceae, l’Handerbergia è originaria dell’Australia. E’ una pianta sempreverde rampicante, dal fusto legnoso e fioritura riunita in infiorescenze di colore lilla, bianco, rosa a partire dalla primavera. Resistente al freddo, non necessita di irrigazioni abbondanti, predilige esposizioni soleggiate.

Appartenente alla famiglia delle Verbenaceae, originaria dell’America centro-meridionale, la Lantana è un arbusto perenne e cespuglioso che presenta foglie verde intenso, rugose e dentellate che, se spezzate, emanano un inconfondibile aroma. La varietà Sellowiana ha un portamento ricadente e foglie più piccole. Durante tutta l’estate, fino all’autunno la Lantana produce dei fiori tubulosi riuniti in corimbi, caratterizzati dalla particolarità di cambiare tonalità durante la fioritura, risultando, così, multicolore (anche se ne esistono varietà monocromatiche). Dopo la fioritura, compaiono delle bacche velenose quando ancora acerbe, ma commestibili una volta mature.

Originaria del bacino del Mediterraneo, ma diffusa anche nelle Indie e in alcune isole atlantiche, la Lavanda è una pianta erbacea perenne e sempreverde, appartenente alla famiglia delle Labiatae. Le foglie, strette e allungate terminano con un’inflorescenza a forma di spiga di colore viola/porpora all’interno di cui si trovano le ghiandole contenenti l’olio aromatico base per la produzione di varie fragranze impiegate nella cosmesi e, anche, come spezia in cucina. La varietà Stoechas ha foglie leggermente argentate e produce fiori più grandi di colore porpora scuro, sormontati da un caratteristico ciuffo di brattee viola.

Appartiene alla famiglia delle Myrtaceae ed è un arbusto sempreverde originario del continente australiano e della Nuova Zelanda. Il Leptospermum ha piccole foglie verde intenso, ricche di oli essenziali (se schiacciate rilasciano un gradevole odore) e produce fiori a forma di calice a cinque petali di colore rosa o bianco a cui seguono i frutti, piccole bacche legnose. E’ conosciuto anche come Manuka o “l’albero del thè” (varietà “Petersonii”) per la sua particolare fragranza simile a quella del limone: viene, infatti, utilizzato per insaporire proprio gli infusi di thè, mentre i suoi fiori sono impiegati nell’industria della produzione di miele.