+39 080 8769072   info@apuliaplants.it

PIANTE ESTERNO STAGIONALI

Appartenente alla famiglia delle Amaryllidaceae, originaria delle zone dell’America centrale e meridionale, l’Alstroemeria (detta anche Giglio del Perù), è un arbusto perenne che produce splendidi fiori simili a piccoli gigli con la particolarità di avere delle puntinature o striature marroni nella parte interna dei petali. Molto impiegata per la produzione di fiore reciso, viene anche coltivata in vaso, presentandosi come un folto cespuglio dalle foglie verde chiaro e con una fitta fioritura durevole. Prediligono esposizioni soleggiate, resistono bene alle basse temperature.

L’Angelonia è una pianta erbacea annuale perenne, proveniente dal Messico e all’America centrale, simile all’Anthirrinum. Alta mediamente 30 cm, presenta steli eretti ricoperti da foglie lanceolate con margine dentato, di un bel colore verde chiaro. I fiori sono infiorescenze a spiga di colore bianco con macchie viola, rosa o blu-elettrico. L’Angelonia fiorisce ininterrottamente per tutta l’estate. I suoi fiori sono simili a piccole orchidee. Predilige posizioni soleggiate e teme le basse temperature

Appartenente alla famiglia delle Scrophulariaceae, originaria delle regioni mediterranee, l’Antirrhinum è una pianta rustica perenne (coltivata come annuale o, al massimo, biennale) con fusto lignificato alla base e inflorescenze delle molteplici tonalità alle estremità. Deve il suo nome comune “Bocca di leone” alla particolare conformazione dei fiori che presentano una corolla tubulosa avente due formazioni simili a due labbra (quella superiore divisa in due lobi e quella inferiore in tre). Preferisce essere posizionata in pieno sole, e resiste bene alle basse temperature.

Appartiene alla famiglia delle Compositae ed è originario delle regioni del Mediterraneo. L’Asteriscus è un arbusto perenne di piccole dimensioni che ha foglie ovali e spesse, di colore verde scuro. I fiori hanno la classica forma della margherita, sono completamente gialli e molto resistenti e duraturi. Per le sue caratteristiche è una pianta di facile coltivazione e di notevole impatto creando cuscini dorati in giardino. Fioritura primaverile che si mantiene fino all’autunno, resiste bene ai freddi invernali

Appartiene alla famiglia delle Asteraceae ed è originaria dell’America centrale, ma ormai diffusa in tutto il mondo come una della piante più utilizzate per ornare i balconi. E’ una pianta perenne, ma viene coltivata come annuale. Si presenta come un cespuglio di foglie sottili verde/grigiastro che si ricopre interamente di fiori dalla classica forma a capolino (piccole stelle) a cinque petali giallo dorato. Da primavera fino all’autunno produce la sua classica fioritura, abbondante e dal classico fiorellino giallo a cinque petali; necessita di essere posizionata in pieno sole, muore ai primi freddi invernali.

La calendula è una piccola pianta perenne coltivata come pianta annuale. Per essere coltivata, necessita di posizioni soleggiate. La calendula è relativamente resistente al freddo ma con le basse temperature invernali le foglie e la parte aerea della pianta disseccano: da fine autunno, vedremo nuovamente spuntare la calendula a primavera inoltrata. La fioritura inizia a fine inverno, con fiori di colore giallo arancio.

Strette parenti delle Petunie, le Calibrachoa regalano fiori molto simili, ma più piccoli, e hanno una crescita più compatta: per questo sono note anche come petunie nane. Facili e resistenti, non si ammalano quasi mai e resistono bene alle piogge e al vento (al contrario delle petunie). Inoltre una posizione ben soleggiata favorisce la crescita e la fioritura: questa infatti inizia già a metà aprile, quando le giornate oramai sono lunghe e garantiscono molte ore di luce.

Appartiene alla famiglia delle Campanulaceae ed è originaria dell’Europa, nord America e Asia. La varietà “Appeal” della Campanula si caratterizza per il suo portamento eretto (quasi una piramide naturale dovuta alla ramificazione dal basso), per le foglie dure e ruvide di colore verde chiaro e per i suoi fiori giganti a forma di campanello blu o rosa, raccolti in gruppi fino a riempire l’intero stelo. E’ meno rustica della Campanula classica e richiede minori annaffiature, ma temperature leggermente superiori.

La Cineraria “cruenta” appartiene alla famiglia delle Asteraceae ed è originaria delle Isole Canarie, benchè si sia sviluppata velocemente in tutta Europa. E’ una pianta pluriennale caratterizzata da un folto cespuglio di foglie molto ampie e di colore verde intenso. Produce moltissimi fiori a forma di margherita dalle diverse tonalità, azzurro, lilla, rosa, bianco, ecc, che ricoprono tutta la pianta. Per la sua particolare fioritura abbondante e il portamento cespuglioso è ideale per creare macchie di colore in aiuole e giardini.

Pianta annuale di grandi dimensioni, originaria dell’America centrale e meridionale, molto diffusa in coltivazione anche in Europa. A partire dalla primavera inoltrata fino alla fine dell’estate all’apice dei fusti produce particolari racemi tondeggianti, che portano numerosi fiori di colore rosato; man mano che i fiori sbocciano ed appassiscono la pianta produce ulteriore fusto su cui sbocciano ulteriori fiori. Non necessita di particolari cure, predilige posizioni soleggiate e teme il freddo.

Dei piccoli soli splendenti, ecco l’impressione che danno le coreopsis, estremamente facili da coltivare, sia in vaso che in giardino. Esistono molte specie di coreopsis ma le più diffuse sono le Coreopsis Grandiflora e le Coreopsis Lanceolata. Originarie dell’America del nord, anche se perenni tendono a seccare completamente in inverno, per poi rispuntare all’inizio della primavera. Prediligono posizioni soleggiate e non temono il freddo.

La Cuphea, originaria di Messico, Perù e America centro-meridionale, produce curiosi fiori tubolari, rossi o rosa, di lunga durata: coltivata per lo più come pianta per l’esterno, forma fitti cespugli molto decorativi alti all’incirca 80 cm (30 cm le varietà nane). La sua fioritura è ideale per un terrazzo estivo nel quale si desidera inserire qualcosa di nuovo. Teme il freddo ed il caldo eccessivi, necessita di abbondanti innaffiature durante l’estate.

Appartiene alla famiglia delle Caryophyllaceae ed è originario dell’Asia. Come tutti i Dianthus è una pianta perenne, ma si distinge per le foglie più sottili e di colore più chiaro e per i fiori dentellati ed esclusivamente rosa che sbocciano continuamente fino alla fine dell’estate.

Pianta erbacea perenne, originaria dell’Africa meridionale; al genere fresia appartengono circa quindici specie botaniche, tutte producono piccoli cormi tondeggianti. La fresia è adatta a climi mediterranei, è però piuttosto sensibile al freddo.  Ogni singolo bulbo produce un piccolo ciuffo di foglie nastriformi, erette, abbastanza rigide e carnose, di colore verde chiaro; dal centro delle foglie in estate si sviluppa un sottile fusto eretto, che porta numerosi piccoli fiori a trombetta. Fiorisce durante la primavera, necessita di posizioni soleggiate e teme il freddo.

Pianta particolarmente rustica, la Fucsia appartenente alla famiglia delle Onagraceae ed è originaria dell’America centrale e meridionale. Ha foglie ovali di colore verde intenso e produce splendidi fiori a calice rosso e petali bianco e viola, raggruppati in ciuffi di tre o quattro. Alcune varietà producono bacche, simili a ciliege, rosso scuro e commestibili.

Il Garofano è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Caryophyllaceae e ha una provenienza incerta. Si ipotizza nasca nelle regioni del Mediterraneo, ma si conoscono moltissime varietà originarie dell’Asia e dell’Africa. Cespuglio dalle foglie strette e allungate di colore verde/grigio, produce i caratteristici fiori a cinque petali, singoli o a mazzetto, dalle sembianze più disparate, a seconda della varietà. Tra le piante più diffuse e coltivate al mondo, il fiore di garofano, tipicamente increspato e variamente colorato (rosso, rosa, bianco, giallo, violetto, screziato, e molti altri) ha assunto diversi significati nel simbolismo popolare nei diversi Paesi.  Grazie al suo profumo delicato, inoltre, è anche impiegato, una volta essiccato, per realizzare pout-pourri.